Consonno

Venghino siori venghino……..nella ridente  Consonno.

Questo diventerà il paese delle meraviglie, la città dei balocchi, la scintillante Las Vegas lombarda. Avrà negozi alla moda, alberghi , ristoranti , piste da ballo e locali dove si esibiranno i migliori divi nostrani. Ci sarà addirittura un centro commerciale che tutti ricorderanno , forse si dimentica facilmente un edificio con il minareto ?

Non c’è deserto qui, siamo in Brianza , a due passi da Milano…quella che poi diventerà “da bere” ma che forse lo è sempre stata.

“A Consonno è sempre festa” , così recitava un’insegna degli anni 60 ai tempi del famoso boom economico italiano. In questo periodo, intensa  e breve come la scintilla di una stella filante, si sviluppa la storia del paese “più piccolo ma più bello del mondo”. Poi tutto si ferma, lentamente si degrada e oggi vegeta in stato di triste abbandono.

Non sarò certo io a giudicare l’opera del conte Mario Bagno, se ne trova in rete ampia descrizione.

Vengo al dunque…..finalmente ho avuto la possibilità di visitare la città fantasma in una giornata invernale uggiosa, tutto è magnificamente decadente.

Passeggio , fotografo, mi viene in mente il Collodi :

“Pinocchio e Lucignolo aspettavano ansiosi il carro che li avrebbe portati lontano da quella città, dove il divertimento non c’era e si studiava solo. Finalmente si vide in lontananza il carro arrivare con tutti i bambini da trasportare. Volevano andare in un paese chiamato il paese dei Balocchi dove la scuola e gli insegnanti non c’erano, ma solo il divertimento.

Il carro era appena arrivato e l’omino si voltò e chiese a Lucignolo e a Pinocchio se volevano andare con lui. Al primo impatto Pinocchio disse di no, ma poi si fece convincere e andò con loro.

Quando arrivarono su tutte le piazzette c’erano teatrini, su tutte le case c’era scritto viva i balocci (invece di balocchi); non vogliamo più schole (invece di scuole); l’arin metica (invece di aritmetica) e cose simili.

Era già da tanto tempo che continuava questa cuccagna quando un giorno Pinocchio ebbe, come si suol dire, una brutta sorpresa che lo mise di cattivo umore. Svegliandosi si accorse che aveva le orecchie d’asino, una lunga coda, e tanti peli che uscivano dal pezzo di legno.

Diventato asino l’omino di burro (l’igannatore) lo vendette a un circo che lo fece esibire e si fece male. Allora il circo, invece di curarlo, lo vendette a un uomo che con la sua pelle e il suo legno voleva farci un tamburo.”

 

foo_0807 foo_0805foo_0691 foo_0782 foo_0781foo_0792 foo_0778 foo_0775 foo_0774 foo_0772 foo_0769 foo_0758 foo_0754 foo_0745 foo_0744 foo_0743 foo_0742 foo_0733 foo_0727 foo_0724 foo_0720 foo_0719 foo_0715 foo_0714 foo_0709 foo_0706 foo_0705 foo_0704 foo_0701 foo_0696 foo_0693 foo_0687 foo_0684 foo_0680 foo_0678 foo_0677

 

Advertisements

One thought on “Consonno

  1. Beh, che dire, tra i “luoghi dell’abbandono” questo è da oscar! Complimenti per la “missione” e, al solito, per le foto … c’è anche una inquietante maschera bianca che, forse, tornerà proprio nei miei prossimi incubi …

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s